Colifagina S
Gastrobase.it
Xagena Mappa
Gastroenterologia Xagena

UDCA riduce il rischio di recidiva di cirrosi biliare primaria dopo trapianto di fegato


I pazienti sottoposti a trapianto di fegato trattati con Acido Ursodesossicolico ( UDCA ) hanno presentato un rischio inferiore di recidiva di cirrosi biliare primaria.

I ricercatori hanno raccolto ed analizzato i dati di 90 pazienti arruolati in 5 Centri specializzati nel trapianto in Francia e Svizzera tra il 1988 e il 2010 che erano stati sottoposti a trapianto di fegato per cirrosi biliare primaria. 19 pazienti sono stati sottoposti a terapia preventiva con 10-15 mg/kg di Acido Ursodesossicolico assunti quotidianamente.

Ciascun paziente è stato seguito per un minimo di 1 anno dopo il trapianto; il follow-up medio è stato di 11.7 anni.

In generale, la recidiva di cirrosi biliare primitiva è stata riscontrata nel 53% dei pazienti, compresi i tassi di recidiva del 27% a 5 anni, 47% a 10 anni e 61% a 15 anni.
Il tempo medio alla recidiva è stato di 6.4 anni.

Nei pazienti trattati con UDCA in modo preventivo, il tasso di recidiva per la cirrosi biliare primaria è stato pari all'11% a 5 anni, al 21% a 10 anni e al 40% a 15 anni.

Nei pazienti che non sono stati sottoposti a trattamento con Acido Ursodesossicolico, il tasso di recidiva per cirrosi biliare primaria è stato del 32% a 5 anni, del 53% a 10 anni, e del 70% a 15 anni.
Il tempo mediano alla recidiva è stato più lungo nei pazienti che erano stati trattati con UDCA rispetto a quelli che non avevano ricevuto il farmaco ( 6.5 versus 4.9 anni ), anche se questa differenza non è stata significativa.

L’analisi multivariata ha mostrato che il trattamento preventivo con UDCA è stato l'unico fattore a influenzare il rischio di recidiva ( hazard ratio, HR=0.32 ), dopo aggiustamento per i potenziali fattori confondenti e fattori di rischio.

Il tasso di sopravvivenza globale è stato del 98% a 5 anni, del 94% a 10 anni e del 75% a 15 anni. La recidiva e il trattamento preventivo con UDCA non hanno avuto impatto sulla sopravvivenza.
Tuttavia, 7 pazienti con recidiva di cirrosi biliare primaria hanno sviluppato cirrosi del fegato trapiantato, di cui 1 ha richiesto un nuovo trapianto dopo 17 anni.
Un secondo paziente con recidiva di cirrosi biliare primaria ha dovuto subire un nuovo trapianto a causa di epatite acuta fulminante 15 anni dopo il trapianto. L'origine della epatite è rimasta sconosciuta in questo paziente.

Grazie alla buona tollerabilità della terapia UDCA a lungo termine, questi risultati supportano l'uso esteso di UDCA come profilassi per la recidiva di cirrosi biliare primaria dopo trapianto di fegato. ( Xagena2015 )

Fonte: Journal of Hepatology, 2015

Gastro2015 Farma2015 Chiru2015


Indietro