Colifagina S
Gastrobase.it
Xagena Mappa
Gastroenterologia Xagena

Infezione da HCV: il regime a base di Ombitasvir, Paritaprevir, Ritonavir, e Dasabuvir appare sicuro ed efficace nei pazienti con grave malattia renale


Uno studio ha mostrato che il regimre a 12 settimane a base di Ombitasvir, Paritaprevir, Ritonavir, e Dasabuvir ha ottenuto una risposta virale sostenuta nel 90% dei pazienti con genotipo 1 del virus dell'epatite C ( HCV ) e malattia renale cronica di stadio 4 o 5.

Il regime è risultato ben tollerato, anche se l'uso di Ribavirina può richiedere una riduzione del dosaggio o interruzione della somministrazione per gestire l'anemia.

Tra l'8% e il 44% dei pazienti in emodialisi sono HCV positivi, e la malattia renale cronica è nota aumentare il rischio di cirrosi HCV-associata, il carcinoma epatocellulare e la mortalità epato-correlata.

Mentre Sofosbuvir viene eliminato per via renale, Ombitasvir, Paritaprevir, Ritonavir, e Dasabuvir subiscono metabolismo epatico e non necessitano di un aggiustamento della dose in studi di fase I su pazienti con insufficienza renale lieve, moderata o grave.

Per indagare ulteriormente la sicurezza e l'efficacia di questi farmaci antivirali ad azione diretta nei pazienti con grave malattia renale, è stato effettuato uno studio a braccio singolo, in aperto, multicentrico che ha coinvolto 20 pazienti con infezione da virus HCV, non-cirrotici, naive al trattamento, con insufficienza renale cronica di stadio 4 ( velocità stimata di filtrazione glomerulare, 15-30 ml/min per 1.73 m2 ) o stadio 5 ( eGFR, inferiore a 15 ml/min per 1.73 m2 o che richiedono emodialisi ).

I pazienti hanno ricevuto, una volta al giorno, Ombitasvir ( 25 mg ), Paritaprevir ( 150 mg ) e Ritonavir ( 100 mg ) più Dasabuvir ( 250 mg ) per 12 settimane.
I 13 pazienti con infezione da HCV genotipo 1a hanno ricevuto Ribavirina una volta al giorno ( 200 mg ).
La maggior parte dei pazienti erano uomini di colore con insufficienza renale cronica di stadio 5, e 14 erano in emodialisi.

Tutti e 20 i pazienti hanno completato il trattamento, e 18 ( 90% ) hanno raggiunto una risposta sostenuta virale in 12 settimane dopo il trattamento ( SVR12; intervallo di confidenza [ IC ] 95%, 70-97% ).

Nessun paziente ha sviluppato scompenso epatico.

Gli effetti avversi più comuni sono stati: anemia ( 45% ), affaticamento ( 35% ), diarrea ( 25% ) e nausea ( 25% ).

L’anemia si è sviluppata solo nei pazienti trattati con Ribavirina ed era più pronunciata che negli studi di fase III di questo regime.
I livelli di emoglobina sono scesi in media di 1.54 g/dl tra i pazienti che hanno ricevuto Ribavirina, rispetto a 0.9 g/dl tra i pazienti che non hanno ricevuto Ribavirina.
C'è stato un caso di anemia di grado 3 relativo a un errore di dosaggio della Ribavirina.
Il più basso livello di emoglobina misurato è stato pari a 7.0 g/dl, che è migliorato a più di 10 g/dl dopo la sospensione della somministrazione di Ribavirina e l’avvio del trattamento con Eritropoietina. Questo paziente ha raggiunto anche SVR12.
Gli altri 8 pazienti che hanno sviluppato anemia hanno anch’essi interrotto l’assunzione della Ribavirina, anche se 3 sono stati in grado di riprenderla dopo che i loro livelli di emoglobina erano migliorati.

Dei due pazienti che non hanno ottenuto SVR12, 1 ha presentato recidiva 4 settimane dopo il trattamento, e 1 è morto di arresto cardiaco 14 giorni dopo il trattamento.
Il paziente che è morto aveva una storia di ipertensione; il suo livello di emoglobina è rimasto stabile ( 9-11 g/dL ) durante le ultime 6 settimane di trattamento, ed era pari a 10 g/dL al momento del ricovero, il che indica che l'anemia indotta dalla Ribavirina non ha causato l'evento cardiaco. ( Xagena2016 )

Fonte: Gastroenterology, 2016

Inf2016 Gastro2016 Nefro2016 Farma2016


Indietro