Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Epatite C cronica genotipo 1: Grazoprevir / Elbasvir nei pazienti naive al trattamento e nei pazienti difficili da curare


I risultati di uno studio clinico di fase 2, che aveva come obiettivo quello di valutare la combinazione Grazoprevir / Elbasvir ( MK-5172 / MK-8742; inibitore della proteasi NS3/4A e inibitore del complesso di replicazione NS5A, rispettivamente ) con o senza Ribavirina in pazienti non-pretrattati e in pazienti trattati in precedenza ( Peg-Interferone / Ribavirina ) con infezione da virus dell'epatite C cronica ( HCV ) genotipo 1 ( GT1 ), lo studio C-WORTHy ( Parte A e B ) sono stati presentati al 65th American Association for the Study of Liver Diseases ( AASLD ) Annual Meeting ( noto anche come The Liver Meeting ) e pubblicati su The Lancet.

Pazienti naive al trattamento e null responder a PegInterferone e Ribavirina

Nei pazienti con solo infezione da HCV GT1 mai trattati ( naive ) e con cirrosi, e nei pazienti con genotipo 1 in precedenza null responder, con o senza cirrosi, trattati con la combinazione Grazoprevir ed Elbasvir, con o senza Ribavirina, per 12 settimane o 18 settimane, i tassi di risposta virologica sostenuta, 12 settimane dopo il completamento della terapia ( SVR12 ), erano maggiori o uguali al 90% a prescindere dalla durata del trattamento o dalla somministrazione concomitante di Ribavirina.

Il tasso di fallimento virologico è stato del 5% ( 6/123 ) nei pazienti cirrotici naive al trattamento e 3% ( 4/130 ) nella popolazione null responder.

Il trattamento è stato generalmente ben tollerato. Gli eventi avversi più comuni associati con la somministrazione di Grazoprevir / Elbasvir con o senza Ribavirina sono stati: affaticamento ( 26% ), cefalea ( 23% ) e astenia ( 14% ).
Non c’è stata nessuna precoce interruzione a causa di eventi avversi con Grazoprevir / Elbasvir, e nessuna alterazione clinicamente significativa nei biomarcatori presi in esame di routine.

Pazienti mono-infettati da virus HCV e pazienti co-infettati HIV/HCV

I pazienti con genotipo 1, naive al trattamento, non-cirrotici, mono-infettati e i pazienti co-infettati con HIV, trattati per 12 settimane con Grazoprevir / Elbasvir, con o senza Ribavirina, hanno dimostrato alti tassi di risposta virologica sostenuta ( SVR12 ).

Tra la popolazione di pazienti, trattata per 12 settimane, il tasso complessivo di fallimento virologico è stato del 4% ( 7/188 ), sia nei pazienti mono-infettati sia nei pazienti co-infettati, tra cui 3 casi di breakthrouh virologico e 4 recidive.
Nei pazienti trattati per 8 settimane, il tasso di fallimento virologico è stato del 17% ( 5/30 ), con 5 recidive.

Gli eventi avversi più comuni con o senza Ribavirina sono stati: affaticamento ( 23% ), cefalea ( 20% ), nausea ( 15% ) e diarrea ( 10% ).
Non sono state osservate interruzioni dovute a eventi avversi con il trattamento a base di Grazoprevir e Elbasvir, e nessuna anormalità clinicamente significativa è stata riscontrata nei biomarcatori di routine.

C-WORTHy è uno studio randomizzato, dose-risposta, a gruppi paralleli, multicentrico, che ha messo a confronto diverse popolazioni di pazienti esposte a differenti schemi di trattamento della combinazione Grazoprevir / Elbasvir, con o senza Ribavirina, nei pazienti con infezione cronica da HCV.
Hanno preso parte allo studio C-WORTHy Parte A e Parte B, un totale di 471 pazienti con infezione cronica da HCV GT1 con livelli di HCV RNA maggiore o uguale a 10.000 UI/mL che sono stati arruolati e randomizzati in 16 braccia.
Sono state arruolate sotto-popolazioni difficili da curare, inclusi i pazienti mai trattati in precedenza con cirrosi epatica ( 12 e 18 settimane, con e senza Ribavirina ) e pazienti null responder con e senza cirrosi ( 12 e 18 settimane, con e senza Ribavirina ). ( Xagena2014 )

Fonte: Merck, 2014

Inf2014 Gastro2014 Farma2014


Indietro